Vai al contenuto

Benemerenza al M° Tommaso Petrelli per il 50° anniversario del Taekwondo in Italia

  • di

15 Dicembre 2016

Lo scorso 10 dicembre a Formia, in occasione del Corso per maestri e Istruttori e durante i festeggiamenti per il 50° anniversario del Taekwondo in Italia, sono state assegnate delle prestigiose benemerenze a personalità, dirigenti, maestri, atleti e società che hanno fatto la storia dello sport. Una meritata benemerenza (Un bronzo per merito sportivo) è stata assegnata al M° Tommaso Petrelli, che da 29 anni dirige il Taekwondo Massafra, palestra dalla quale sono usciti tanti campioni italiani che hanno portato il nome di Massafra nel firmamento sportivo. Nella palestra massafrese il Taekwondo è stato sempre non solo sport ma bene di relazionale, grazie appunto al M° Petrelli che insegna ai suoi allievi che più di ogni medaglia, contano i valori della vita che portano a diventare prima di ogni cosa uomini e poi campioni.
Il M° Maestro Petrelli (cintura nera VI dan, trentasei anni di attività sportiva) è colui che ha fatto la storia del taekwondo a Massafra, ma anche in altre zone della provincia tarantina, grazie a competenza, serietà e professionalità che tutti gli riconoscono. Per l’impegno profuso nella promozione dello sport, in passato gli sono stati, tra l’altro, assegnati il “Premio Bravo” e il Premio “Palio d’Argento”. Ed ora arriva questa importante benemerenza a riconoscenza di quanto ha fatto nel mondo dello sport. Benemerenza che è andata a lui e tanti altri maestri nella serata denominata “Noi siamo la storia ed il futuro del taekwondo”. A premiarli sono stati (al centro nella foto) il vice presidente della Fita dott Giuseppe Flotti e il segretario generale dott. Massimiliano Campo. Con loro, da sinistra, i maestri che hanno premiato: Ennio Cotturone, Salvatore Gulfo, Roberto Lodi Giovanni Lucchese, Tommaso Petrelli e Markus Zadra. Nella stessa occasione è stato premiato il Maestro Martino Montanaro, presidente del comitato regionale, amico fraterno del M° Petrelli. Amici da sempre, hanno condiviso il percorso nel taekwondo dagli allenamenti nella stessa palestra a Martina franca, a tutti gli esami e corsi che finora hanno fatto. I due si considerano veri fratelli sia nello sport sia nella vita.